Analizzare il panorama vitivinicolo toscano è una impresa ardua, dato che le denominazioni DOC sono ben 34. Un vero peso massimo dell’enografia italiana. Il modo migliore per scoprire i vini DOC della Toscana è analizzarli inseriti all’interno di un fantomatico pranzo toscano. Cominciamo con un antipasto di crostini, salumi tipici toscani e mortadella di prato, ai quali abbiniamo un Rosato della DOC Colli dell’Etruria Centrale, un vino rosato ottenuto principalmente da uve Sangiovese (min 50%) e in misura minore da vitigni internazionali coltivati tutti nel Chianti. Come primo cominciamo con una ottima ed “autoctona” Pappa al Pomodoro. A questo piatto succulento e saporito abbiniamo un Rosso di Montepulciano, ancora in giovinezza con un tannino già morbido ed un colore ancora rosso rubino.

Pappa al Pomodoro

A chi preferisce un piatto asciutto, consigliamo un piatto di Pici al Cinghiale, pasta lunga condita con ragù rosso di selvaggina. Alla sapidità del piatto abbiniamo un buon Rosso DOC Montescudaio, un rosso con un passato in barrique dalla buona morbidezza. Dopo i primi proseguiamo con un classico, una bistecca alla fiorentina, servita in abbinamento ad un Rosso della DOC Colline Lucchesi, un vino rosso ottenuto da vitigni internazionali (Merlot principalmente), che forse non è l’icona del radicamento al territorio ma è un ottimo esempio vino ottenuto da vitigni internazionali. Chiudiamo con i dolci. Come tutti i turisti a spasso per Firenze, scegliamo il Vin Santo e Cantucci. Dato che in Toscana quasi ogni DOC ha un Vin Santo, optiamo per un Bianco Pisano di San Torpè.

Cantucci e vin santo ome dessert

Le DOC appena citate sono solamente una esigua selezione rispetto all’immenso panorama enologico Toscano. Per questo motivo vi proponiamo di seguito l’elenco completo dei vini DOC della Toscana.

I vini DOC Toscana: