Vino Veritas

Vini biologici e biodinamici, un po’ di chiarezza

Questo articolo nasce dopo che questa mattina ho ascoltato su Radio 24 la puntata del Gastronauta dedicata ai vini biologici.

vini-biologici-biodinamici1


Iniziamo con il dire che, allo stato attuale, non esiste una dimensione normativa adatta per la definizione di Vino Biologico. In commercio infatti possiamo trovare solamente vini ottenuti da “uve provenienti da agricoltura biodinamica”. Questo significa che, le uve utilizzate per la produzione del vino, sono state coltivate nel rispetto della nornativa europea 2092/91 (che definisce l’agricoltura biologica).

Quindi per il vino non è presente, ad oggi, una struttura legislativa in grado di garantirne l’aspetto biologico.

Questo perchè la coltivazione delle uve è solamente un aspetto della produzione di quel complicato prodotto chiamato Vino. Sono infatti molti i trattamenti che le uve ricevono una volta che vengono vendemmiate, e queste non hanno ancora una regolamentazione adeguata per la certificazione dei Vini Biologici.

C’è da dire che tra i produttori, le idee riguardo al vino biologico e le tecniche ammesse sono piuttosto chiare.

Un vino biologico, o biodinamico, dovrebbe quindi essere ottenuto seguendo alcuni principi, tra i quali:

  1. Le uve sono vendemmiate a mano e selezionate in vigna;
  2. Sono raccolte in cassette di piccole dimensioni, non pressate per evitare l’avvio di fermentazioni indesiderate e vinificate nel più breve tempo possibile;
  3. Pigiatura e diraspatura soffice per mezzo di presse orizzontali pneumatiche;
  4. Avvio della fermentazione con una “piè de cuveè” e controllo termico per evitare arresti e sviluppi microbici indesiderati, senza uso di additivi e coadiuvanti tecnologici;
  5. Ossigenazione dei mosti per mezzo di follature per favorire l’attività microbica, l’estrazione e la stabilizzazione del colore;
  6. Uso molto attento del l’SO2 in fase fermentativa e limitatamente alle dosi MAX di 20 mg/l  in abbinamento con l’uso di gas inerti quale anidride carbonica o azoto, cercando di tenere basso il valore di SO2 totale e alto il valore della libera con l’adozione di corrette pratiche enologiche

In Europa, l’unico paese ad avere una normativa specifica per la produzione di vini biodinamici è la Francia, elaborato dalla Association Demeter France. I produttori che rispettano tale normativa, possono riportare in etichetta la dicitura “Vin Demeter“. Se le pratiche di cantina non dovessero rispettare tutte le norme del disciplinare, i vini potranno riportare la dicitura “Vin issu de raisins Demeter” (vino ottenuto da uve Demeter).

Per concludere, vi segnalo la puntata del Gastronauta dedicata proprio ai vini biologici / biodinamici.

Fonti:

Redazione

8 commenti

  • Interessante questo post!! Anche se mi piacerebbe sapere qualcosa di più approfondito sulla qualità del prodotto e qualche approfondimento più dettagliato (spero in un prox post).
    Tu ne hai assaggiato qualcuno? Pro e contro? Opinioni personali?
    Tra l’altro biologico e biodinamico non è la stessa cosa.

  • Ciao Elena
    Purtroppo nel campo del vino, come hai potuto capire dall’articolo, la questione biologico / biodinamoco è ancora confusa, burocraticamente parlando.
    Per quanto riguarda la qualità, posso dirti che una volta ho assaggiato un vino prodotto senza utilizzo di solforosa e non era il massimo. Era ambrato e ricordava la melassa. ma è un problema attribuibile alla cattiva conservazione e non alla qualità del vino. Certo se qualcuno sapesse darci più informazioni o consigliarci qualche produttore…
    Ciao

  • Ieri sera abbiamo bevuto questo (proveniente da uva biologica)..
    te lo consiglio, era molto buono:
    colli altotiberini doc
    biovitivinicola colle del sole
    rubino
    località umbertide (pg)
    1997

  • Grazie Elena. Per completezza, riporto gli uvaggi e profilo organolettico, cosi come dichiarato dal produttore:

    COLLI ALTOTIBERINI D.O.C ROSSO
    UVAGGIO:50%Sangiovese grosso e piccolo, 30%Merlot, 20%Ciliegiolo, Gamay, Trebbiano e Malvasia. Stagionatura in vasche e in botti di rovere. Notevole possibilità di invecchiamento.
    COLORE:Rosso rubino
    ODORE: Vinoso
    SAPORE:Asciutto rotondo
    GRADI:-13%vol
    TEMPERATURA di servizio: 18-20 gradi
    ABBINAMENTI: primi piatti,arrosti grigliati, formaggi duri, dopo caffè.

  • Alberto,
    articolo interessante e sintetico, ma forse troppo sintetico. Io non metterei nello stesso calderone il biodinamico col biologico.
    Infatti il biodinamico ha un carattere talvolta esoterico e non troppo scientifico (fasi lunari, dinamizzazione dell’acqua, utilizzo del corno…). Queste “credenze” sono ovviamente accompagnate dall’assoluto rispetto della terra e per il resto si avvicinano alle posizioni biologiche.