L’appuntamento, fissato tra il 15 ed il 17 marzo prossimi è di quelli da appuntare nella propria agenda: Enotica torna e mette in mostra quel legame atavico e inscindibile fra buon vino ed eros. Animato da mostre, spettacoli e concerti, il vero protagonista di Enotica, che te lo dico a fare, sarà il vino. Saranno presenti i prodotti di ben 60 vignaioli e contadini veri, con l’obiettivo manco troppo segreto di contrastare quelle che sono le solite catene di distribuzione, per mettere in primo piano tutto il fascino, la varietà e il gusto di un circuito virtuoso che collega ambiente, produzioni e naturalmente wine lovers.

E non ci sono dubbi che Enotica riuscirà nel suo intento: l’evento sarà ospitato nel Centro Sociale Occupato e Autogestito Forte Prenestino, non nuovo a questo genere di appuntamenti;  nelle suggestive celle romane sotterranee si potrà respirare e degustare il nettare afrodisiaco per eccellenza. Terra e rifiuto di un’agricoltura insostenibile e industriale sono due fili conduttori importanti che si legano all’attenzione per la diversità non solo del territorio, ma anche delle produzioni.

Insomma a Enotica verrà servito un Vino Critico, la cui provenienza sarà certificata, e sul prezzo del quale nessuno cercherà di speculare, un vino che tutto potrà essere, ma non certo prodotto di massa.

Il biglietto di ingresso costerà 5 euro, mentre domenica17 marzo la sottoscrizione sarà libera.