food-and-wine-tourismLe strade del vino sono infinite verrebbe da dire pensando all’incentivo dato al mercato immobiliare dal turismo enologico. Si tratta di due fenomeni solo apparentemente separati, dato che il turista in visita presso location ad alta vocazione vitivinicola, affascinati dal dintorno, quando hanno la possibilità scelgono di acquistare casa proprio sul luogo. Ecco il boom inaspettato di acquisti di cascine e casolari, fino a ieri persi nel nulla, oggi invece centro di piccoli e grandi vigneti che svolgono il ruolo di catalizzatore del turismo. Il fenomeno comune al nord ed al sud d’Italia va cavalcato, e le notizie degli ultimi giorni ci confermano che si stanno dando da fare, con abbondanza di risultati, le zone collinari tra Brescia ed il lago d’Iseo, che belle sono belle, e dotate pure di una sorprendente vocazione spumantistica.

Se acquistare una cascina o un casolare non è cosa da tutti, la grande maggioranza dei turisti riesce per lo meno a trascorrere una vacanza a sul luogo, optando per un affitto fai da te o per un alloggio in bed and breakfast. Quel che conta raccontare è che il mondo del vino, profumato, affascinante, gustoso e misterioso, rilassante e votato al wellness dia una spinta al turismo e al mercato immobiliare, specie quando i Comuni si impegnano a creare servizi rivolti al turismo: piste ciclabili, parchi e strutture ricettive, SPA, locali e ristoranti sono le attrazioni più gettonate.

Altra regione particolarmente apprezzata è manco a dirlo la Toscana dove il fenomeno è attivo da anni e non conosce decrescita. Se ti stai chiedendo chi siano gli acquirenti che più di altri si interessano all’investimento è presto detto: gli italiani non mancano, ma la voce grossa la fanno gli stranieri. Inglesi e americani coltivano segretamente il sogno di trascorrere la propria vecchiaia in Italia, ma di recente anche olandesi, russi e pure francesi, brasiliani e cinesi stanno tirando fuori dal cassetto questo desiderio facilmente condivisibile.

A mantenere alto il morale del sud ci pensa il Salento, una vera e propria sorpresa per il settore con l’incremento sostanziale di investimenti e un numero sempre maggiore di wine lovers che ogni anno raggiungono la location bella e pure buona!