Ci apprestiamo oggi ad assaggiare il Salaparuta Bianco di Villa Scaminaci.

Il Salaparuta bianco è prodotto da uve catarratto e chardonnay, l’etichetta riporta come anno di riferimento il 2011 e un titolo alcolometrico pari a 13%.

Il vino si presenta subito di un bel colore giallo paglierino netto e di consistenza media, non eccessiva.  Appena si avvicina il bicchiere al naso, la prima sensazione che viene alla mente è “Freschezza”. Si sentono le note fruttate catarratto che richiamano la pera e gli agrumi, accompagnate dai sentori più esotici dello chardonnay. Il tutto amalgamato da una mineralità che lascia presagire la freschezza di questo vino.

In bocca si riconosce subito l’impronta fresca e sapida del catarratto, che già ci aveva piacevolmente colpito nel Catarratto Doc sempre di Sala Paruta, a fare da contraltare troviamo una bella sensazione calda e una morbidezza appena accennata. I sentori sfumano bene e il finale è equilibrato, privo del finale amarognolo che molti vini particolarmente sapidi presentano. La persistenza non esagerata di questo vino non deve essere considerata come un difetto ma come un incentivo a versarne subito un altro calice.

In definitiva ci troviamo dinnanzi ad un vino dalla facile bevuta, dalle piacevoli caratteristiche organolettiche, equilibrato e soprattutto semplice, dote quest’ultima che permette di esaltare le caratteristiche del catarratto.

Hai assaggiato questo vino? Votalo assegnandogli da 1 a 5 stelle:
(3 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...