La Basilicata è caratterizzata da un territorio in prevalenza montuoso-collinare, con terreno argilloso-calcareo e sabbioso in collina.

La coltivazione di vite in Basilicata

Il clima è continentale nelle zone montane, con inverni freddi ed estati miti ma brevi. Sulla fascia costiera e nella bassa collina il clima è meno rigido, con inverni miti ed estati calde. La produzione di vino annua si attesta intorno ai 250.000 ettolitri, in prevalenza ottenuti da vitigni a bacca rossa. La zona maggiormente vocata alla produzione di vino è il territorio collinare del Vulture, complesso vulcanico oggi spento nei pressi di Potenza. In questa zona, situata ad una altitudine compresa tra i 200 ed i 500 metri sul livello del mare, viene coltivato l’Aglianico, vitigno impiegato nella produzione dell’Aglianico del Vulture. Tra i vitigni a bacca rossa più diffusi vi sono Aglianico del Vulture, Sangiovese, Malvasia nera di Basilicata, Aglianico, Barbera, Ciliegiolo, Primitivo, Montepulciano e Malvasia. Tra i vitigni a bacca bianca più coltivati ricordiamo il Manzoni Bianco, Malvasia bianca di Basilicata, Moscato bianco e Trabbiano toscano.

Vini della Basilicata, le denominazioni della regione: